Triora
Stemma-Triora

Liguria

Triora (IM)

Sorto intorno all’anno mille, ai piedi del monte Trono, domina la valle Argentina. Il nucelo antico è caratterizzato dai carugi, le case addossate l’una sull’altra, e quello che resta delle cinque fortezze e delle sette porte. Noto per le vicende legate alla stregoneria degli anni 1587-1589, che portarono alla condanna a morte di sei donne, conserva documenti, strumenti di tortura e pubblicazioni rare nel museo etnografico e della stregoneria. Da visitare la Collegiata dell’Assunta, con un Battesimo di Cristo del senese Taddeo di Bartolo, un Cristo tardo trecentesco e una tavola lasciata da San Bernardino da Siena nel 1418 a ricordo delle sue predicazioni. Il vicino oratorio di San Giovanni Battista conserva un prezioso altare ligneo che racchiude un quadro della Natività di San Giovanni Battista del pittore locale Lorenzo Gastaldi e una statua del Maragliano. I più curiosi non perdano la Cabotina, luogo dove secondo la leggenda si riunivano le bàgiue ovvero le streghe, palleggiandosi i bimbi in fasce con le colleghe dei paesi vicini.

Triora (IM)

Informazioni e iscrizioni

Uffici del Comune, Luca Sergi tel: 0184 94049 fax: email: comune.triora.im@legalmail.it

Dove sostare

Parcheggio riservato: Triora capoluogo

Note

Massimo numero di equipaggi: 20 Possibilità di accogliere equipaggi in auto+caravan

Il programma

VENERDI 29
dal tardo pomeriggio arrivo dei primi partecipanti per il parcheggio ed il pernottamento;

SABATO 30
MATTINA: - arrivo dei partecipanti, ore 11 .30 piccolo aperitivo nel porticato antistante il “Museo della Stregoneria”, Saluti dell’Amministrazione Comunale, e consegna kit/omaggio di benvenuto
POMERIGGIO: - Per chi desidera partecipare ore 15.30 Trekking “Cammino fra Terra e Cielo” — Partenza dall’abitato di Triora in direzione Loreto, cammineremo nei boschi, lungo il “Cammino fra Terra e Cielo” antica mulattiera che conduceva a Loreto. Visiteremo l’antico Ponte di Mauta che fino al 1960 fu l’unico collegamento con la frazione di Cetta, ma anche passaggio verso la Francia e la VaI Nervia. li ponte è anche tradizionalmente ricordato come luogo d’incontro fra le streghe e il diavolo. Risaliremo poi verso la frazione di Loreto, dove l’omonimo ponte domina lo strapiombo di 120 m sul Torrente Argentina. Da qui proseguiremo verso Triora incontrando le edicole che ricordano i 15 Misteri della Fede; un cammino percorso da viandanti, pastori e contadini dei secoli scorsi, che forse vi trovarono ispirazione. In prossimità del paese arriveremo alla Fontana di Campumauve e qui faremo l’ultima tappa prima di rientrare in paese.

Motivi di interesse
Paesaggistico – Storico – Caratteristiche del percorso: Itinerario facile, adatto a tutti, anche famiglie con bambini. Tempo di percorrenza 3,00 ore c.a Dislivello: 200 m. c.ca – Difficoltà T/E

DOMENICA 1 OTTOBRE
MATTINA ore 10.30 - Visita guidata al centro storico – Chiese e Musei
POMERIGGIO ore 16.00 - Premiazioni concorso fotografico nazionale “4° memorial Angelo Pavan” “Triora e le meraviglie d’Italia” – Triora e la Valle Argentina – organizzata in collaborazione tra triorando.it – Associazione Turistica Pro Triora con il patrocinio della Uif

Gallery